flexible housing

flexible housing

Un importante service comune dei club mantovani, consistente nella “Realizzazione di una struttura mobile ed a destinazioni d’uso flessibili”, come l’ha definita il presidente Dante Ghisi nel suo recente intervento alla conviviale di club del 4 ottobre scorso.
Otto club mantovani contribuiranno alla realizzazione di tale struttura che verrà destinata ai luoghi terremotati per un utilizzo flessibile (ambulatorio medico, infermeria, aula di scuola, ufficio,..). La struttura é stata progettata gratuitamente da un giovane Past President del Rotaract Club Mantova, l’architetto Stefano Iattoni, verrà realizzata da aziende con sede nei territori colpiti dal sisma, con positivi effetti sull’occupazione e sul “sentiment” di queste zone, ed anche in questo caso il Rotary erogherà i fondi alle imprese senza intermediari. La novità sta anche nella ciclicità/ riciclabilità del “prodotto”, che verrà dato in comodato d’uso gratuito: quando sarà terminata la necessità del tipo di destinazione d’uso, essa potrà mutare oppure la struttura potrà essere trasportata altrove, per emergenze oppure per utilizzi non legati all’emergenza, ma alla solidarietà o all’aggregazione.