Il super ecografo salva una donna

Test su paziente: visti tre tumori. Ma non è ancora del Poma. Per acquistare la macchina il Rotary organizza una lotteria

MANTOVA. Giorni fa ha salvato la vita a una donna malata di tumore. Una sofisticata apparecchiatura, che però non è ancora del Carlo Poma, anche se qualcuno sta cercando di acquistarla per poi donarla. E sarebbe un vero peccato lasciarsi scappare questa grande occasione. Il super ecografo di ultima generazione per la rilevazione delle micrometastasi che il Rotary Club Castelli di Mantova sta cercando di donare all’azienda ospedaliera attraverso una lotteria iniziata a dicembre è già stato utilizzato in via preliminare in occasione di un delicato intervento operatorio avvenuto giorni fa nella sala operatoria della Chirurgia del Poma. Un test intraoperatorio che ha permesso agli specialisti della Chirurgia di valutare le grandi potenzialità del nuovo macchinario in uso a pochissimi ospedali italiani.

Durante l’intervento il super ecografo è stato in grado di scoprire altre tre micrometastati di pochi millimetri al fegato di una paziente oncologica, finita in sala operatoria per l’asportazione di altre due metastasi rilevate in seguito agli accertamenti con Tac e Risonanza Magnetica. Di fatto i chirurghi del Poma si sono resi conto durante l’intervento della grandissima importanza che uno strumento di questo tipo potrebbe avere per l’ospedale di Mantova per diagnostica e interventistica. La nuova apparecchiatura è infatti in grado di vedere metastasi anche di un millimetro, mentre Tac e Risonanza di solito riescono a rilevare la presenza del tumore quando è fra i 3 e i 5 millimetri. Valutate positivamente le potenzialità della macchina, ora la sfida è tutta concentrata sul raggiungimento dei 50mila euro necessari per il suo acquisto da parte del Rotary Club Castelli. “Cerca, trova e vinci la vita” è la lotteria avviata a dicembre dal sodalizio mantovano. Al momento si è arrivato a 16mila euro di raccolta fondi, ma l’obiettivo è quello di vendere in totale i cinquemila biglietti del costo di 10 euro ciascuno per poter acquistare l’ecografo.

Al di là dell’aspetto benefico e umanitario, sul piatto della lotteria ci sono anche ricchi premi. Primo premio: Peugeot 108; secondo: filo di perle della gioielleria Bertolini; terzo: sei bottiglie di Franciacorta e sei di Champagne della cantinetta Bonvivant; quarto: collo di volpe della pellicceria Biagini Forlì; quinto: forma di Parmigiano Reggiano; sesto: cena romantica e pernottamento in suite. Estrazione dei premi il 18 giugno, la consegna nel corso di una serata organizzata dal Rotary Castelli il 25 giugno all’hotel Rechigi. Sul sito internet del club Castelli già da ora si può monitorare lo stato della raccolta grazie al contabiglietti: 16mila euro finora quelli venduti. Ecco i punti vendita per l’acquisto dei biglietti: oreficeria Bertolini corso Umberto I 70, Il Tagliere Via Principe Amedeo 22, bar Mulina via Verona, carrozzeria Borgonovi via Martinelli 2, gioielleria Azzali piazza Marconi, distributore Ies via Brennero, Il Picchio Abbigliamento via Garibaldi 40 ad Asola, farmacia Guidotti a San Giorgio. Chi volesse contribuire acquistando i biglietti può contattare anche Alberto Mattioli (346 – 234 5681); Claudio Ferro (348 – 7353283), Federico Borgonovi (348 – 2710542).

Tratto da Gazzetta di Mantova 5 Febbraio 2015